Google un miliardo di dollari per Whatsapp

di Gianni Puglisi Commenta

Google è pronto a sborsare un miliardo di dollari per appropriarsi dell'applicazione Whatsapp.

 

La popolarità di Whatsapp ha colpito Google pronto a sborsare circa un miliardo di dollari per potersene appropriare. La notizia è ormai ufficiale e Whatsapp potrebbe realmente ritrovarsi a far parte del mondo Google, una nuova iniziativa da parte del colosso di Mountain View per poter in questo modo raggruppare tutte le sue soluzioni di messaggistica, Google Voice, Google Hangouts, Google Talk, consentendo un servizio unico e migliore.

Lo scopo è quello di fronteggiare Facebook, di poter in questo modo avere un netto vantaggio nel campo proprio della messaggistica istantanea.

Ricordiamo però come Whatsapp canone annuale anche per iOS, ormai l’applicazione è diventata a pagamento per tutti i possessori di smartphone, anche se si tratta di una cifra assolutamente irrisoria. Circa 0,89 centesimi l’anno per poter avere un servizio completo, la possibilità di inviare non solo messaggi gratuiti, ma anche scambiarsi file audio, video, immagini e così via. Non è un caso che Whatsapp sia la seconda applicazione a pagamento più scaricata e anche se ci sono state non poche polemiche per la tassazione di questa app, molti utenti non riescono assolutamente a farne a meno.

Esistono inoltre le alternative a Whatsapp, ma Google è più che convinto come saranno davvero in pochi a cambiare, pronto quindi un miliardo di dollari per potersene impossessare. In questo modo sarà notevolmente migliorata anche l’applicazione, un vantaggio non indifferente per i vari utenti. I gestori però di tale servizio sono intenzionati ad alzare la posta in palio, aumentando ancor di più la cifra di vendita del prodotto. Bisognerà capire se tale accordo sarà poi alla fine stipulato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>