Imprese straniere in aumento rispetto al 2011

di isayblog4 Commenta

Imprenditori stranieri chiamati alla raccolta:  c’e’ tempo infatti fino al 15 maggio per candidarsi al ‘MoneyGram Award’ 2013, il riconoscimento che premia l’imprenditoria immigrata in Italia.

Una realtà che sembra resistere alla crisi economica globale in maniera perentoria, visto che nel 2012 sono state 477.519 le imprese fondate o gestite da stranieri, con un peso del 7,8 per cento e rispetto al 2011 si registra un aumento del 5,8 per cento. Le società di capitale sono il 9,7 per cento, mentre comincia a diffondersi lo strumento della società cooperativa, cresciute lo scorso anno al ritmo dell’8,2 per cento.

La Regione dove si registra il maggior aumento di imprese straniere, è il Lazio  con un +10,8 per cento, seguita da Puglia, Campania, Liguria e Lombardia: ”La ricchezza prodotta dalle aziende straniere, e’ pari a circa 76 miliardi di euro’, vale a dire quasi il 5,5 per cento dell’intera ricchezza prodotta a livello nazionale”, dichiara MoneyGram.

Alcuni dati: il 67,6 per cento ha un’eta’ compresa tra i 30 e i 49 anni e il 12,6 per cento dei neo imprenditori ha meno di 29 anni e secondo Gabriele Nardini, responsabile della formazione per l’Associazione generale delle cooperative italiane del Lazio, ”gli italiani sono abituati a una vita piu’ comoda, rischiano di meno e c’e’ la convinzione che un lavoro si possa trovare tramite amicizie e conoscenze. Gli immigrati, al contrario sanno che possono contare solo sulle proprie forze”.

Tra le imprese individuali, che sono ben l’80,8 per cento del totale, il paese leader è il Marocco con 58.555 titolari, seguito dai cinesi e cittadini albanesi, ma anche gli imprenditori del Bangladesh e quelli provenienti dal Kossovo sono in forte crescita.

Nel settore degli alberghi, bar e ristorazione, a farla da padrone sono invece i cinesi, dando lavoro a circa 2 milioni di lavoratori. Anche le imprese cinesi sono in aumento, e costituiscono il 33 per cento di  tutte le imprese condotte da immigrati.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>