Mario Balotelli al Milan

di Lucia D Antuono Commenta

Il grande colpo del calciomercato invernale riguarda il Milan, la società è riuscita ad acciuffare Mario Balotelli.

 

Negli ultimi mesi si è parlato di Mario Balotelli esclusivamente per il gossip. Arrivato il fiocco rosa per Raffaella Fico e Mario Balotelli, ecco che si pensava che il giovane attaccante della Nazionale italiana potesse mettere la testa a posto, ma così non è stato. Raffaella Fico contro Mario Balotelli perché quest’ultimo non si è proprio interessato alla sua piccola figlioletta.

Se la vita privata continua ad essere piuttosto ingarbugliata, sicuramente dal punta di vista lavorativo si è aperta una nuova porta che potrebbe finalmente far crescere sportivamente e caratterialmente il calciatore. Mario Balotelli al Milan, questa è la notizia bomba rilanciata nelle ultime ore da tutti i giornali, il calciatore italiano, ex Inter, farà finalmente parte della sua squadra dei sogni.

Qualcuno pensa che si sia trattata solo ed esclusivamente di una mossa meramente politica, Silvio Berlusconi in vista delle elezioni ha pensato di tenersi ben stretti i voti dei suoi tifosi acciuffando questo grande acquisto. Mario Balotelli al Milan per un baby attacco da sogno, Allegri insomma può stare tranquillo dal punto di vista offensivo con un tridente d’attacco praticamente ventenne.

Balotelli infatti affiancherà El Shaarawy, già amico in Nazionale, e Niang, il francese diciottenne che sta non poco stupendo nelle ultime partite. Il lavoro di Galliani è stato più che imponente, Mario Balotelli al Milan per 20 milioni di euro più tre di bonus da spartire in sei anni. Un affarone vista la giovane età del calciatore, inoltre Balotelli si è anche ridotto di un milione di euro l’ingaggio, percepirà 4 milioni di euro per quattro anni e mezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>