In casa Milan scoppia il caso Pato e l’Inter gioisce

di Gianni Puglisi Commenta

Dopo la sconfitta subita nel derby in casa Milan si evidenzia ancor di più il caso Pato. L'attaccante brasiliano non è più lucido come un tempo e sono piovuti anche i primi fischi dei tifosi milanisti nei suoi confronti.

Il derby di Milano è stato l’epilogo negativo di una settimana alquanto tormentata in casa rossonera sul fronte calciomercato e non solo. Al Milan Pato blocca l’arrivo di Tevez, ma la cosa peggiore è che l’attaccante brasiliano non sembra assolutamente avere l’appoggio dell’ambiente rossonero.

Nella partita di ieri sera Pato non ha combinato nulla di concreto, grazie indubbiamente alla grande partita in difesa organizzata da Ranieri che è riuscito a bloccare qualsiasi attacco rossonero. Doveva essere insomma il derby del riscatto di Pato, ma invece non è stato assolutamente così.

Berlusconi ci ha messo la faccia nel trattenere l’attaccante brasiliano, ma ora ci si chiede se sia stata fatta la scelta giusta. Dal punto di vista tecnico e delle varie caratteristiche fisiche indubbiamente il Milan ha fatto bene a non vendere Pato per arrivare a Tevez, ma ora è importante recuperare il calciatore a livello psicologico. In campo Pato sembra essere un fantasma, non ha più quella cattiveria e soprattutto quella consapevolezza nei propri mezzi indispensabili per fare bene.

Il PSG offre 28 milioni per Pato

Con Ibrahimovic non c’è assolutamente feeling, ma la cosa peggiore è che i tifosi rossoneri sono i primi a non dare fiducia a questo giovane attaccante. I fischi di ieri sera sono l’emblema di ciò che sta vivendo in questi giorni Pato, condizionato probabilmente anche dalla storia d’amore con la figlia del presidente del Milan. La sconfitta nel derby e l’opaca prestazione del Milan non ha aiutato certamente l’ambiente rossonero ad evitare un caso Pato, che ormai è più che evidente. Dall’altra parte sorride l’Inter che ha ritrovato il suo Principe Milito e che può indubbiamente lottare per lo scudetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>