Matteo Renzi solo sindaco

di Gianni Puglisi Commenta

Matteo Renzi ci ha tenuto a smentire le voci sulla sua possibilità di diventare Premier, il suo lavoro continuerà ad essere quello di sindaco di Firenze.

 

Lo aveva detto già dopo la vittoria primarie a Bersani, ora Matteo Renzi ribadisce il concetto di voler continuare a fare il sindaco senza alcun tipo di rimpianto. Si è parlato molto in questi giorni, dopo i risultati elezioni politiche 2013 piuttosto negativi per il Pd, se fosse cambiato qualcosa qualora al comando del partito ci sarebbe stato Matteo Renzi.

Secondo insomma i vari sostenitori del Pd e non solo, Bersani non ha fatto molto per poter vincere con convinzione e fermezza queste elezioni ed ora si ritrova praticamente senza una netta maggioranza al Senato e alla Camera, dovendo quindi puntare su una collaborazione del Movimento Cinque Stelle di Grillo.

Situazione politica alquanto complicata per l’Italia in generale, il fallimento del Pd ha fatto pensare alla possibilità di vedere in qualità di premier proprio Matteo Renzi. Il Corriere della Sera quest’oggi in prima pagina ha pubblicato tale frase pronunciata, a detta del giornalista che si è occupato dell’articolo, da Matteo Renzi: “Sono pronto a fare il premier”. Subito è arrivata la secca smentita da parte del sindaco di Firenze, Renzi ci ha tenuto a precisare di non aver mai assolutamente pronunciato quella frase, la sua unica attività è quella di continuare a fare il sindaco di Firenze. Matteo Renzi ci ha tenuto anche a ribadire che ciò che voleva per l’Italia lo ha detto al tempo delle primarie, ma ha perso e quindi non può fare più nulla.

Era doveroso per Renzi chiarire il suo punto di vista su tutto ciò che sta accadendo in questi giorni nel mondo della politica, con voci che non hanno assolutamente alcuna base concreta. Intanto ci ritroviamo con Silvio Berlusconi indagato per corruzione e un Grillo che non ha alcuna intenzione di allearsi con Bersani, la situazione politica è sempre più incerta, uno scenario assolutamente negativo per l’economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>