Quasi 14 milioni di telespettatori per l’ultima puntata del Fiorello show

di Gianni Puglisi Commenta

L'ultima puntata de Il più grande spettacolo dopo il weekend ha frantumato qualsiasi record di ascolti. La presenza di Roberto Benigni ha contribuito a tenere incollati davanti al televisore ben 14 milioni di telespettatori con il 50% di share.

Da Fiorello è arrivato Benigni per il gran finale e il botto c’è stato. Lo showman siciliano ha letteralmente frantumato tutti i record di ascolti con circa 14 milioni di telespettatori incollati al televisore per assistere all’ultima puntata de Il più grande spettacolo dopo il weekend. Il mattatore Fiorello ha raggiunto punte del 50% di share, un dato davvero impressionante.

Sicuramente la presenza di Roberto Benigni ha in qualche modo contribuito a questo boom di ascolti, l’attore, regista e comico toscano ha voluto ovviamente parlare della sua felicità nel non vedere più Berlusconi in Parlamento. Appena arrivato in studio Benigni ha più volte ripetuto :“Non c’è più, non c’è più” riferendosi proprio all’ex Premier.

E’ chiaro come la politica sia sempre la base dei monologhi del toscanaccio Robertino, la satira è stata infondo anche un cavallo di battaglia per Fiorello in questo suo ultimo show televisivo. Il momento per la nostra Italia è tragico, ma almeno per circa due ore ci siamo fatti due risate su noi stessi, molto spesso c’è la necessità di sdramamtizzare e in questo Fiorello e Benigni sono davvero dei maestri.

Ancora record di ascolti per Fiorello con il 43% di share

Le battute del grande Roberto si sono susseguite a raffica, raccontando anche la favola del vecchio governo con un “C’era una volta un Cavaliere con tanti cavalli e stalle e stallieri e tanti castelli e tante principesse, tutte sul pisello!”. Roberto Benigni però ha saputo essere anche serio quando ha preso ad esempio Sandro Pertini e le sue parole nei riguardi dei giovani che “non hanno bisogno di sermoni, ma di esempi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>