Dichiarazioni Celentano a Servizio Pubblico

di Gianni Puglisi Commenta

Nuove polemiche scatenate da Adriano Celentano durante la sua performance a Servizio Pubblico di Michele Santoro.

 

Nell’ultima settimana ha catalizzato l’attenzione dei media tutta su di sé e Adriano Celentano non sembra avere intenzione di mollare la presa. Il molleggiato ha non poco fatto infuriare i vertici della Rai e della Chiesa per le sue dichiarazioni rilasciate sul palco dell’Ariston.

Adriano Celentano a Sanremo 2012
ha suscitato un polverone mediatico incredibile, soprattutto per alcune dichiarazioni abbastanza forti rifilate all’ambiente ecclesiastico e soprattutto a due testate giornalistiche come L’Avvenire e Famiglia Cristiana.

Ieri sera Adriano Celentano è stato da Michele Santoro, una notizia che sembrava essere inizialmente solamente una bufala, ma il molleggiato ha approfittato dell’ospitalità dell’amico per ribadire alcuni concetti fondamentali del suo pensiero. Nelle dichiarazioni a Servizio Pubblico innanzitutto non si pente assolutamente di ciò che ha detto sul palco dell’Ariston, anzi ha risposto alle critiche da parte del Vaticano con questa frase: “Ma loro non sanno com’è il Paradiso.” Insomma il molleggiato non cambia una virgola del suo pensiero, anzi attacca duramente anche la Rai, che non ha apprezzato le parole di Celentano durante la performance sanremese.

Secondo Adriano, sempre durante le dichiarazioni rilasciate a Servizio Pubblico, la Rai sarà sempre lo scenario di intrighi e sotterfugi finché saranno i partiti politici a litigarsela e questo è una danno grave per il nostro Paese. Per Adriano Celentano quindi non c’è chiarezza, n’è tantomeno onestà nel’ambiente Rai, troppo influenzato da quello politico. A riferimento di quest’ultimo argomento Celentano ha chiosato: “Qualcosa mi dice che il cambiamento è nell’aria e che il vento di questo cambiamento sta diventando una tempesta. Alle prossime elezioni potrebbero esserci delle sorprese.” Come al solito il molleggiato lascia una bella scia di polemiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>