Aumento multe nel 2013

di Lucia D Antuono Commenta

Dal primo gennaio scatteranno gli aumenti anche per le multe relative ad infrazioni del codice della strada.

 

Non bastano gli aumenti dell’ autunno 2012, il prossimo anno sarà costellato da nuovi incrementi nell’ambito dei pagamenti che costringerà gli italiani a dover affrontare spese sempre più dure. Dal primo gennaio del 2013 scatterà un sostanzioso aumento delle multe, un incremento del 5,9% che sicuramente non farà piacere a tutti i cittadini italiani.

Si tratta di un decreto varato come sempre da Monti, chi si ritroverà ad infrangere le regole del codice della strada, anche con una semplice multa per divieto di sosta, dovrà far fronte ad una spesa molto più consistente rispetto al passato. Un altro danno per le tasche degli italiani che nell’ultimo periodo si ritrovano già a dover fare i conti con multe alquanto insolite che servono solo ad arricchire l’amministrazione pubblica e a gravare invece ancor di più sulle spese dei cittadini.

Si tratta questo di un aumento alquanto consistente, basti pensare che nel 1998 una multa per divieto di sosta valeva circa 50 mila lire, ora con questo aumento multe nel 2013 si arriverà a pagare ben 41 euro. Dopo la notizia del sistema sanitario italiano solo per ricchi, visti gli aumenti anche in questo settore, si prevede un periodo ancora più difficile da superare per gli italiani, costretti a pagare per una crisi provocata più dalla cattiva gestione del governo che dalle effettive colpe dei cittadini.

L’aumento multe 2013 è l’ennesima stangata che il governo Monti sta infliggendo a tutti gli italiani, si sa come già le multe non siano alquanto piacevoli da ricevere, ma d’ora in poi sarà ancora più amaro ritrovarsi con un bel po’ di denaro da dover regalare al proprio comune di residenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>