Sistema sanitario italiano solo per ricchi

di Lucia D Antuono Commenta

Situazione piuttosto complicata per il sistema sanitario italiano con la spesa che rischia di diventare insostenibile per i lgoverno.

 

Il sistema sanitario italiano sembra essere avvolto nel caos più totale, è qui che arrivano le difficoltà maggiori del Paese dal punto di vista economico. Non è un caso che i tagli alla sanità 2012 sia al momento l’argomento più caldo della nostra politica, Mario Monti ha non poco spaventato gli italiani, ma qui si rischia davvero che il sistema sanitario italiano sia accessibile solo ai ricchi.

Il problema maggiore, paradossalmente parlando, riguarda proprio lo sviluppo sempre più incessante della medicina che garantisce una vita molto più lunga a tutte le persone. L‘Italia è un paese vecchio per eccellenza, è sempre raro vedere famiglie con più figli a carico, mentre aumenta costantemente il numero degli anziani.

Questo inevitabilmente comporta ad un aumento delle spese del sistema sanitario italiano, le persone più anziane hanno necessità di prendere più farmaci, di sottoporsi a continue visite specialistiche e quindi la spesa sanitaria grava non poco sul Paese. Con l’andar del tempo la situazione peggiorerà ulteriormente, le previsioni non sono per niente rosee addirittura nel 2050 la spesa sanitaria italiana arriverà a 260 miliardi di euro.

Le nuove riforme quindi non sembrano poter invertire questo rullino di marcia, con i tagli alla sanità addio a 30mila posti letto, ma quello che preoccupa principalmente è che queste situazioni non basteranno. Gli italiani arriveranno a cacciare di tasca propria circa 611 euro all’anno, cifra che tenderà ad aumentare sempre più e in questo modo il sistema sanitario italiano sarà sempre più solo per i ricchi. Il rischio che la situazione peggiori ulteriormente è davvero molto alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>