Alberto Stasi è stato assolto

di Gianni Puglisi Commenta

Alberto Stasi è stato assolto. Il fidanzaato di Chiara Poggi, accusato dell'omicidio della ragazza, può finalmente ritornare a vivere. Il giudice lo ha assolto dall'accusa di omicidio, mentre ora si cerca di capire se Chiara Poggi avrà mai giustizia.

Proprio ieri vi abbiamo parlato di Erika De nardo che ritrova la libertà. La ragazza di Novi Ligure, che uccise la madre e il fratellino insieme al suo fidanzatino Omar, può ritornare a vivere la sua vita. Stessa cosa è capitata anche ad Alberto Stasi.

Il ragazzo di Garlasco che nell’agosto di circa cinque anni fa è stato accusato di aver ucciso la fidanzata Chiara Poggi. Alberto Stasi è sempre stato visto come il principale colpevole di tale terribile omicidio, ma le prove contro di lui non sono mai state realmente schiaccianti. Ecco che quindi anche Alberto stasi può tirare un sospiro di sollievo, provando a vivere finalmente in modo più sereno la sua vita.

In tutto questo però Chiara Poggi non ha avuto giustizia e probabilmente non l’avrà mai. Se non è stato Alberto Stasi ad ucciderla, chi è allora il suo reale assassino? I genitori della ragazza nel loro cuore speravano che fosse proprio Stasi l’assassino, almeno sapevano chi fosse il colpevole della morte della loro figlia. Ora però sarà difficile che si possa realmente scoprire la verità, ma i genitori di Chiara Poggi confidano ancora nella giustizia, hanno piena fiducia che un giorno il presunto assassino sarà ritrovato.

I fatti di cronaca nel nostro Paese non sembrano mai riuscire ad avere un reale colpevole, molte vicende restano senza una fine e si rischia che anche per Sarah Scazzi alla fine sia così. Qui ci sono ben dieci imputati, con anche le nuove restrizioni per Michele Misseri, ma si attende con ansia il processo di gennaio per capire come realmente sia avvenuto quest’omicidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>