Il Milan rimborsa gli abbonamenti

di Gianni Puglisi Commenta

Il Milan ha deciso di rimborsare gli abbonamenti dei tifosi delusi dalle cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva.

 

Sicuramente la notizia di Ibrahimovic e Thiago Silva al PSG ha non poco delusi tutti i tifosi del Milan. La società rossonera sta praticamente rivoluzionando tutta la squadra, ritrovandosi ora con pochi campioni in rosa e tante domande sul futuro.

Il calciomercato non è ancora finito, ma il Milan dovrà sopperire non solo alla perdita di Ibrahimovic e Thiago Silva, ma anche a quella di vecchi campioni come Gattuso, Zambrotta, Nesta, Seedorf, Inzaghi e così via, tutti campioni che erano in scadenza di contratto e probabilmente non più utili alla causa rossonera.

Un Milan fortemente ridimensionato che ha fatto arrabbiare tutti i tifosi rossoneri e proprio per questo la società di Via Turati ha deciso di rimborsare gli abbonamenti. Una decisione alquanto strana, ma doverosa per tutti i tifosi che si sono abbonati prima delle cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva. In questo caso insomma il calciomercato diventa fondamentale per poter attirare a sé molti più abbonati e se la squadra inizia ad essere priva di stelle, inevitabilmente il tifoso si sente un bel pò tradito dalla sua società.

Il Milan rimborsa gli abbonamenti, il comunicato ufficiale è apparso anche sul sito della squadra con questa motivazione: “Una disponibilità dettata sia da un’esigenza di stile, sia dall’amore della società verso i suoi sostenitori.” I tifosi rossoneri avranno modo così di chiedere il rimborso da mercoledì 25 luglio a mercoledì 8 agosto. Chiaro quanto questa situazione sia a dir poco particolare, il Milan si ritrova ad un mese dall’inizio della nuova stagione senza tante sicurezze e difficilmente le cose potranno cambiare in così poco tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>