Sono pericolosi gli energy drink?

di Gianni Puglisi Commenta

Negli Stati Uniti c'è una vera e propria battaglia contro gli energy drink, considerati pericolosi.

 

L’alimentazione degli ultimi anni non sembra essere molto salutare. Purtroppo il boom delle catene alimentari da fast food, con prodotti per niente salutari e soprattutto l’incremento incredibile degli energy drink, ha inevitabilmente peggiorato la salute di tutti gli uomini.

Sempre più nel nostro Paese si tende ad imitare quello che accade negli Stati Uniti soprattutto in campo alimentare. E’ tutta una questione di marketing, visto come questi prodotti riescono ad avere un successo enorme e garantire guadagni stratosferici, senza però pensare seriamente alla salute degli uomini.

Questa è una delle motivazioni del perché in Italia l’obesità è diventata la seconda causa di morte, ora però il problema maggiore arriva proprio dagli Stati Uniti dove c’è una vera battaglia contro gli energy drink. Qui l’allarme è stato lanciato dalla morte di una ragazza che è deceduta dopo aver bevuto Monster energy, una bevanda energetica molto famosa negli Stati Uniti. La madre della ragazza ha dato vita ad una causa contro i produttori di tale bevanda energizzante, mettendo in questo modo in guardia tutti coloro che sono appasionati di energy drink.

In effetti dal 2009 ad oggi ci sono state ben cinque vititme, il che fa pensare come qualcosa non quadri. Il problema riguarda soprattutto la concentrazione della caffeina che è in quantità piuttosto eccessive. Per continuare quindi a poter garantire la vendita di questi energy drink è importante controllare bene le quantità di caffeina in esse contenuta. La pericolosità degli energy drink esiste, il segreto come sempre consiste nel limitarne l’uso. In America però molti produttori degli energy drink non vogliono assolutamente modificare le loro bevande, la battaglia è solo all’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>