In Italia obesità seconda causa di morte

di Gianni Puglisi Commenta

L'obesità in Italia è diventata la seconda causa di morte, una situazione alquanto tragica per la nostra salute.

 

In Italia ormai l’obesità è diventata la seconda causa di morte. Al primo posto c’è il fumo, ma sta prendendo sempre più piede questa patologia alimentare che sta rischiando seriamente di compromettere la vita di molti italiani. Il problema principale è ovviamente la cattiva educazione alimentare che dovrebbe essere inculcata proprio sin da bambini.

Non è un caso che ci sia anche un netto aumento dell’obesità infantile, situazione che, con il passar del tempo se non verranno adottate delle soluzioni a riguardo, rischia di peggiorare ulteriormente. Il dato allarmante riguarda alcuni dati raggruppati di recente, ossia che ben 44 italiani su 100 sono praticamente in sovrappeso e uno su dieci è obeso.

Secondo molti esperti del campo della salute alimentare il problema maggiore riguarda l’abbandono della dieta mediterranea. Questa è stata sempre considerata quella più completa e salutare, ricca di tutti gli alimenti necessari al corretto funzionamento del nostro organismo. C’è stato però un netto calo di attenzione nei riguardi della dieta mediterranea, ormai gli italiani pensano esclusivamente a mangiare qualcosa di veloce e assolutamente nocivo per la propria salute, il tutto probabilmente a causa della mancanza di tempo.

Ecco che allora si sta cercando di migliorare tale punto, l’obesità in Italia è diventata la seconda causa di morte, si punta quindi su una rieducazione alimentare che deve partire dalle scuole e programmi che favoriscano notevolmente l’attività fisica. L’obesità insomma non è solo caratterizzata dal mangiare in modo sbagliato, ma anche dalla totale mancanza di attività fisica. Si è parlato di recente di lucertola per curare obesità e diabete, ma devono essere prima di tutto gli italiani con la loro forza di volontà a far cambiare totalmente rotta e mettersi finalmente in moto contro l’obesità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>