Sindrome del ginocchio da scrivania

di Gianni Puglisi Commenta

Sempre più in aumento in Italia la sindrome del ginocchio da scrivania, una patologia che colpisce soprattutto chi conduce una vita piuttosto sedentaria.

 

Una nuova patologia si sta sempre più diffondendo tra le persone che conducono una vita piuttosto sedentaria, si tratta della sindrome del ginocchio da scrivania. Già dal nome si può facilmente comprendere come la causa di tale patologia sia dovuta alle troppe ore trascorse seduti.

La sindrome del ginocchio da scrivania colpisce principalmente i vari impiegati o gli studenti che per molte ore si ritrovano nella stessa posizione da seduti, ma prima che sia troppo tardi è necessario muoversi un po’. Come evitare i dolori da lavoro di ufficio è possibile, guai insomma a trascorrere molto tempo nella stessa posizone, a risentirne saranno soprattutto le ginocchia.

La sindrome del ginocchio da scrivania sorge quando, in maniera prettamente scientifica e medica, c’è un’infiammazione della membrana sinoviale che penetra nella cavità ossea. In poche parole, a causa di una posizione statica prolungata nel tempo, non si produce più liquido sinoviale, il vero e proprio lubrificante della cartilagine del ginocchio. In questo modo si manifesterà la classica sindrome del ginocchio da ufficio che provoca non solo tanto dolore, ma impedisce anche semplici movimenti come salire le scale. Inoltre questa sedentarietà provoca anche il più problematico disturbo dell’obesità, una vera e propria piaga sociale che negli ultimi anni si è sempre più sviluppata del nostro Paese.

Basta sapere che in Italia l’obesità è la seconda causa di morte, una situazione quindi alquanto tragica che fa ancor più capire come muoversi possa essere la soluzione a molti problemi di salute. E’ bene quindi non solo sgranchirsi le gambe, ma praticare quanto più possiible attività fisica per evitare di ritrovarsi in problemi del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>