Sigarette elettroniche vietate ai minori

di Gianni Puglisi Commenta

Sono state vietate le sigarette elettroniche ai minori di 18 anni.

Spread the love

 

C’è ancora un bel po’ di confusione riguardo al mondo delle sigarette elettroniche, un prodotto tecnologico che ha avuto un successo incredibile nel nostro Paese, ma che ancora provoca delle perplessità. E’ necessaria una legge per sigarette elettroniche ed un primo passo è stato fatto dal ministro della Salute Balduzzi che ha vietato l’utilizzo di tale prodotto ai minori di 18 anni.

Questo risulta essere solo un inizio ed era indispensabile approvare questa legge, visto come non sia possibile vendere tabacco ai minorenni. Le sigarette eletroniche risultano però essere ancora un mistero per i vari medici ed esperti del settore, bisogna insomma capire se possano rientrare nella categoria farmaco oppure no.

A tal proposito gli studi scientifici non sono ancora del tutto chiari, si sta lavorando per capire la pericolosità di tale prodotto che è stato fin troppo accostato ad un metodo salutare per poter smettere di fumare. In realtà è più che risaputo come le sigarette elettroniche contengano nicotina, anche se non della stessa quantità di una sigaretta normale. Un uso però spropositato di questo aggeggio tecnologico provoca allo stesso modo problemi di salute, è sempre bene limitarne l’uso.

Sigarette elettroniche pericolose? E’ proprio su questo punto che bisogna fare ulteriormente chiarezza, ecco che quindi si è preferito in questo modo tutelare i minori con il divieto di acquistare proprio le sigarette elettroniche. Balduzzi sa che una legge sia indispensabile, ma è importante prima di tutto informare i vari fumatori sul compito specifico delle sigarette elettroniche e al momento non sembra essere del tutto chiara la loro funzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>