Dieta dei cinque pasti

di Gianni Puglisi Commenta

Per poter dimagrire non bisogna non mangiare ma affidarsi alal classica dieta dei cinque pasti che mantiene sempre attivo il metabolismo.

 

Quando si sente la necessità di voler perdere peso, ecco che si punta alla ricerca delle diete dimagranti migliori per poter raggiungere il proprio obiettivo senza patire più di tanto la fame. Purtroppo vige ancora il concetto di dieta vista come mancanza di cibo.

Molte persone pensano che per poter dimagrire sia necessario saltare qualche pasto o mangiare pochissimo, un errore comune che in realtà rischia seriamente di mettere in pericolo la salute dell’uomo.

Tale convinzione quindi deve essere assolutamente abolita, si può dimagrire solo mangiando, in questo modo il metabolismo sarà costantemente attivo e si permetterà di bruciare molte più calorie. A tal proposito la dieta dei cinque pasti è quella considerata in assoluto la migliore, con ciò non significa che bisogna mangiare quello che si vuole e soprattutto in grandi quantità per cinque volte al giorno, c’è come sempre un regime alimentare equilibrato da dover seguire. E’ proprio l’equilibrio che fa nettamente la differenza e vediamo nel dettaglio come deve essere strutturata questa dieta dei cinque pasti. Chiaramente la colazione deve essere necessariamente abbondante, ma qui si dà spazio però ad aalimenti più che genuini e salutari, quindi thè, fette biscottate con marmellata, latte, caffè e così via.

In questa dieta dei cinque pasti la concezione degli spuntini è molto importante, questi però devono essere rigorosamente salutari, il che significa che è meglio puntare sulla classica frutta oppure sullo yogurt, ma mai pensare a quesi snack confezionati che sono solo ricchi di calorie e grassi. L’equilibrio della dieta dei cinque pasti è importantissimo per poter restare in forma e perdere anche peso. Tutto poi sta nel riuscire ad integrare un programma di attività fisica costante e scegliere chiaramente alimenti salutari, evitando quelli ricchi di grasso e calorie. La dieta funziona pensando positivo, se si parte insomma già con la negatività allora è chiaro che non potrà mai esserci un effetto positivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>