Legge elettorale Renzi contro Letta

di Gianni Puglisi Commenta

Renzi si è scagliato contro Letta, l'Italia non può più aspettare questo governo di lunga attesa, c'è bisogno di agire.

 

Periodo non semplice per il premier Letta che si ritrova a tener unito un governo sempre più scricchiolante. Dopo lo scontro Letta-Alfano, il premier deve vedersela anche con personaggi di spicco del suo stesso partito.

Non mancano tensioni all’interno del Pd che hanno provocato un nuovo scontro e questa volta riguarda Letta e Renzi. Il pomo della discordia è il ritorno al Mattarellum, una proposta mossa da Giacchetti che però la camera ha già bocciato.

Come sempre il conflitto si scatena sulla legge elettorale, secondo insomma Matteo Renzi questo governo di larghe intese è diventato un governo di lunghe attese, ma l’Italia non può assolutamente più aspettare. Renzi insomma appoggia l’idea di una nuova legge elettorale, affidandosi anche al Mattarellum proposto da Giacchetti. Per Letta invece l’Italia deve cercare di andare avanti a piccoli passi, senza forzare la mano. Sicuramente per il premier di questo governo alquanto particolare non è semplice riuscire a mantenre un certo equilibrio tra le varie forze politiche, ma questo è ciò che serve al momento per garantire all’Italia una governabilità.

Per Renzi però si sta perdendo solo tempo e non è per niente d’accordo con la politica adottata dal suo collega di partito Letta. Nella serata di ieri c’è stato addirittura uno scambio di sms tra i due con Letta che ha invitato Renzi a tranquillizzare quei deputati che vogliono appoggiare il Mattarellum. Questo nuovo scontro interno al Pd rischia di creare una frattura insanabile in un partito che non è mai stato realmente unito. Non dimentichiamo inoltre che Renzi ambisce da tempo ad essere a capo del governo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>