Governo Letta può durare

di Gianni Puglisi Commenta

Letta ha 18 mesi per poter cambiare qualcosa nell'ambito politico, economico, sociale e lavorativo dell'Italia.

 

Il governo Letta sembra poter proseguire ancora a lungo, almeno questo è ciò che si augura proprio il premier, volenteroso di riuscire a portare a termine un lavoro piuttosto complicato.

A tal proposito Letta ha chiaramente espresso la volontà di fare riforme nuove entro i 18 mesi, qualora non riuscisse a portare a termine tale compito deciderà di fare qualche passo indietro.

Esiste la commissione per le riforme costituzionali formata da Letta, da qui bisognerà partire per dar vita ad una svolta, anche se il premier non ha intenzione di aprire una nuova èra, ma sta lavorando per cambiare qualcosa e superare una fase piuttosto disastrosa del Paese. E’ un governo d’eccezione animato da una maggioranza composta da diversi partiti, si sta lavorando al fine di poter finalmente fare qualcosa per i cittadini. Il primo punto caldo è la disoccupazione giovanile, questo è il tema che sta più a cuore a Letta e che subito dovrà trovare una svolta attraverso una riforma di defiscalizzazione e decontribuzione per le imprese che assumeranno giovani.

Si vuole insomma agevolare l’assunzione giovanile da parte delle imprese diminuendo le tasse, solo in questo modo si potrà dare un segnale diverso al mondo del lavoro. C’è poi la volontà di cambiare alcuni aspetti della Costituzione italiana, per Letta è assurdo che in Italia ci sia il doppio dei parlamentari degli Usa. Inoltre si lavorerà anche per l’elezione diretta del capo dello Stato, insomma 18 mesi per dar vita ad un cambiamento sostanziale. Sulla questione legge elettorale Renzi contro Letta, il premier ha dichiarato di fare il tifo per Matteo, non sussistono insomma delle divergenze sostanziali tra i due e inoltre vedrebbe bene Renzi nei panni di segretario del Pd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>