Modifiche Riforma Fornero

di isayblog4 Commenta

Uno degli del nuovo Governo Letta sarà sicuramente quello di modificare la Riforma Fornero, la legge n. 92 del 2012 e in particolare intervenire sui contratti a termine e sull’apprendistato.

“Riconsiderare le attuali regole restrittive nel lavoro a termine almeno fino al consolidamento delle prospettive di crescita” ha detto Enrico Letta. Prima di tutto modificare gli intervalli temporali obbligatori tra un rinnovo del contratto a termine e l’altro, e poi introdurre le ragioni che giustificano la stipula di contratti a termine. La legge n. 92 del 2012 che il contratto a tempo che scade dopo 12 mesi non è più rinnovabile.

Inoltre bisogna evitare abusi nel ricorso al contratto a termine, al posto del contratto a tempo indeterminato e stimolare le imprese ad assumere, e quindi potenziare gli incentivi assunzione 2013 dedicati in maggior parte alle donne introdotti con un recente decreto.

La riforma Fornero ha aumentato l’intervallo tra un rinnovo contrattuale e l’altro e una delle prime misure da introdurre potrebbe essere un accorciamento di questo intervallo obbligatorio, che per i contratti fino a sei mesi è di due mesi e per quelli con scadenze più lunghe è di tre mesi. Prima delle riforma il precario doveva aspettare solo tra dieci e venti giorni prima del rinnovo.

Anche Carlo Dell’Aringa, sottosegretario per il Pd al ministero del Lavoro, ha dichiarato: “Si è arrivati a livelli di disoccupazione socialmente pericolosi; ci sono misure da prendere nell’immediato e bisogna trovare le risorse anche per il rinvio del pagamento dell’Imu e dell’aumento dell’Iva. Bisogna ridurre il cuneo fiscale e dare incentivi alle aziende per assumere i giovani, poi in collaborazione con le parti sociali dovremo allentare alcuni vincoli della legge Fornero, come sui contratti a tempo determinato. Dal momento che la riforma ha introdotto dei paletti alle imprese nell’utilizzo di questi contratti, in momenti di recessione questi vanno rimossi, almeno finché dura l’emergenza».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>