Caldo record colpa del Global Warming

di Gianni Puglisi Commenta

C'è lo zampino dell'uomo per quest'improvvise ondate di calore dovute al Global Warming.

 

In questi giorni molti Paesi sono stati completamente travolti da un’ondata di calore che ha causato anche delle vittime. Clamorose sono state le morti di ben trenta persone avvenute negli Stati Uniti proprio pochi giorni fa. In Italia intanto è arrivato Minosse, la nuova ondata di caldo record che sta letteralmente infuocando le giornate degli italiani, soprattutto nel sud del nostro Paese.

Qui i consigli per il caldo record possono essere molto utili, anche se l’unica soluzione possibile è stare completamente chiusi in casa con ventilatori e climatizzatori sempre accesi. Questo caldo record, secondo gli studiosi della National Oceanic and Atmosferic Administration, un’agenzia americana che si occupa proprio di controllare i cambiamenti climatici, è dovuto principalmente al Global Warming, il riscaldamento globale causato praticamente dall’uomo.

Non sempre, stando ai vari studi effettuati negli ultimi anni, l’imprevedibilità e gli improvvisi cambiamenti climatici sono dovuti però al Global Warming. Molto spesso si tratta esclusivamente di fenomeni naturali che non hanno come effetto scatenante la mano umana. E’ però anche vero che gli inverni freddissimi e le estati bollenti non sembrano essere così normali, soprattutto in riferimento proprio a questo 2012.

E’ un dato di fatto che l’uomo stia contribuendo non poco al Global Warming e quindi c’è molta preoccupazione su come potranno ulteriormente cambiare le condizioni climatiche nei prossimi anni, se si continuerà in questo modo molte altre vittime saranno causate dal meteo. Il caldo record è una conseguenza diretta del Global Warming, questo sicuramente desta non poco timore per la saluta dell’intera umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>