La nuova moda dei video porno a lavoro

di Lucia D Antuono Commenta

Sempre più lavoratori guardano video porno dal pc dell'azienda dove lavorano, risultando in questo modo molto meno produttivi.

 

Una nuova moda si sta diffondendo in tutto il mondo, una crescita incredibile che rischia però di mettere a serio rischio molti posti di lavoro. Se in Italia siamo alle prese con il lavori che resistono alla crisi, in tutta Europa e soprattutto in America sempre più lavoratori guardano video porno proprio mentre dovrebbero essere più produttivi.

Un dato sempre più crescente che ovviamente sta preoccupando di gran lunga le aziende che si ritrovano con il produrre meno lavoro del solito a causa proprio di queste interruzioni particolari da parte dei dipendenti. Il dato è alquanto allarmante, perché ormai oltre 20 milioni di persone guardano video porno sul proprio posto di lavoro e questo influisce proprio sulla produttività dell’azienda per cui si lavora.

E’ soprattutto grazie all’avvento degli smartphone che i lavoratori riescono a non farsi beccare dal loro capo mentre assistono a qualche video porno durante le ore lavorative. Grazie quindi al proprio cellulare sempre più tecnologico i lavoratori hanno modo di non essere colti in fallo dal proprio datore di lavoro. Esistono poi, per quel che riguarda i pc, dei particolari sistemi di occultamento per quando c’è nei paraggi il datore di lavoro, in questo modo insomma si può evitare di essere beccati.

E’ in particolar modo grazie a questo tipo di sotterfugi che nella maggior parte dei casi i lavoratori appassionati di video porno non vengono assolutamente beccati dal capo. Attenzione però perché qualora il proprio datore di lavoro riuscisse a scovare tale situazione, il licenziamento sarebbe praticamente inevitabile. La moda dei video porno a lavoro è sempre più diffusa, ma non sempre si riesce a sfuggire all’occhio indagatore del capo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>