Denuncia stupro di 3 carabinieri e un vigile urbano

di Paolo Maria Addabbo 2

Una donna viene arrestata il 23 febbraio nella zona est di Roma, perché ruba dei vestiti in un negozio. Ha 32 anni e deve essere processata per direttissima (un processo più “svelto” dato che c’è la fragranza di reato, o la confessione dell’accusato): dovrà passare la notte in cella di sicurezza, ma dai carabinieri del Casilino non c’è posto. Viene spostata alla stazione del Quadraro dove ci sono tre carabinieri e un vigile urbano, amico degli altri.


La donna ha spiegato, secondo le indiscrezioni riportate da “Repubblica” e altri quotidiani, che le è stato offerto del whisky e poi la violenza dopo essere stata condotta in sala mensa. I suoi ricordi erano offuscati, aveva paura e quando viene rilasciata non racconta nulla al giudice che la scarcera. Nel pomeriggio, dopo le esortazioni del compagno, si decide a denunciare l’accaduto e torna dai carabinieri del Casilino: questi la portano al Policlinico Casilino dove verrà eseguito un tampone vaginale. L’esame accerta i rapporti sessuali ma non lo stupro: per gli indagati la donna era consenziente ma l’indagine della procura romana, su cui vige il massimo riserbo, desta perplessità nella cittadinanza e nel sindaco Alemanno, che ha detto: “Certamente l’Arma prenderà provvedimenti per fare chiarezza e isolare “le mele marce” che non devono influire su un giudizio negativo dei romani”. A destare perplessità è la giustificazione dei carabinieri: non si dovrebbero fornire alcolici e nemmeno sfruttare, seppure in maniera consenziente, la condizione di “carceriere-prigioniero” per fini sessuali.
Le indagini sono compiute dal “Reparto Operativo” dei carabinieri della capitale: hanno tutto l’interesse, per il “fango” che potrebbe ricadere sugli stessi militari, a fare chiarezza sull’evento, che comunque non rappresenta una pagina di “moralità” per l’Arma. Le responsabilità penali, se saranno e potranno essere accertate, toccano ai magistrati, ma il giudizio “morale” sull’autodifesa fornita dai militari e dal vigile che hanno approfittato indecentemente di una persona in una condizione di svantaggio, spetta ai cittadini.

Paolo Maria Addabbo

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>