Cantucci toscani

di Stefania Russo 1

In ogni caso la ricetta di questi biscotti non è difficile, è possibile realizzarli anche a casa con pochi e semplici ingredienti..

I cantucci sono dei biscotti secchi tipici della citta di Prato, in Toscana, per questo sono conosciuti anche come “biscotti di Prato”. Questo prodotto è ottenuto tagliando a fette un filoncino di pasta fatto con farina, zucchero, uova e mandorle.

Questi biscotti in genere vengono serviti come dessert insieme al Vin Santo toscano, un’altro prodotto tipico di questa regione, un vino dolce ottenuto da uve di tipo Trebbiano e Malvasia. Il biscotto viene quindi immerso nel vino che lo ammorbidisce donandogli un sapore più intenso.


Riguardo alla nascita di questi biscotti le opinioni sono contrastanti, alcuni sostengono che siano nati dalle abili mani di un fornaio di Prato che aveva il suo laboratorio proprio vicino al Duomo della città, altri invece sostengono che questo prodotto abbia origini più antiche a che non è nato a Prato ma è stato ideato dai cuochi al seguito di Isabella D’este, solo successivamente poi i cantucci sono diventatii un prodotto tipico toscano.

In ogni caso la ricetta di questi biscotti non è difficile, è possibile realizzarli anche a casa con pochi e semplici ingredienti.



Ingredienti

  • 350 grammi di farina
  • 250 grammi di zucchero
  • 150 grammi di mandorle sgusciate e tostate
  • 3 uova
  • 2 tuorli d’uovo
  • una bustina di lievito
  • aroma di arancia
  • sale

Preparazione
Mescolare due uova intere e due tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina, il lievito, l’aroma di arancia, un pizzico di sale e le mandorle.

Lavorare gli ingredienti in modo che l’impasto risulati omogeneo e realizzare dei filoncini alti circa un centimetro. Metterli in una teglia imburrata e infarinata, spennellare la superficie con un uovo sbattuto e infornarli a 180° per un quarto d’ora circa.

A questo punto tirali fuori dal forno e tagliali a fette oblique, larghe un centimetro, dopodichè rimetterli in forno per altri 10 minuti.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>