Farmacie a rischio chiusura

di Stefania Russo 1

Nella manovra economica 2011-2012 è stato incluso un taglio ai margini distributivi della farmacia pari al 3,65%, una misura che secondo..

Nella manovra economica 2011-2012 è stato incluso un taglio ai margini distributivi della farmacia pari al 3,65%, una misura che secondo la Federfarma Lazio rischia di far chiudere il 25% delle farmacie private italiane, con importanti conseguenze non solo per i titolari delle attività commerciali ma anche per gli stessi cittadini.

Se la misura contenuta nella manovra dovesse essere approvata, infatti, a farne le spese sarebbero soprattutto le persone anziane e coloro che soffrono di patologie croniche, visto che la chiusura di numerose farmacie avrebbe come conseguenza una difficile reperibilità dei farmaci a causa della notevole distanza che potrebbe venire ad esserci tra una farmacia e l’altra.


A questo bisogna poi aggiungere anche un ulteriore danno, la chiusura di un gran numero di farmacie, infatti, provocherebbe inevitabilmente un ulteriore incremento della disoccupazione.

Ma a protestare non è solo la Federfarma Lazio ma anche Assogenerici, che riunisce le case produttive di farmaci generici e che contesta al governo la decisione di ridurre il costo di questi farmaci anziché promuoverne e diffonderne l’utilizzo.

Dello stesso parere anche Franco Caprino, presidente di Federfarma, secondo il quale sono stati adottati due pesi e due misure visto che l’estensione della riduzione avrebbe avuto come conseguenza risparmi per i cittadini e avrebbe risposto anche a un criterio di equità, dal momento che la riduzione del prezzo al pubblico di questi farmaci avrebbe fatto si che la misura di contenimento fosse a carico di tutti gli operatori della filiera.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>