Disoccupazione in Italia al 12,2%

di Lucia D Antuono Commenta

La disoccupazione in Italia continua a crescere in maniera vertiginosa, a maggio era del 12,2 %.

 

Continua ad essere preoccupante la disoccupazione in Italia che ha raggiunto nuovamente livelli storici, salita nel mese di maggio al 12.2 %. Una situazione che rischia seriamente di non far decollare l’economia del Paese, ancora lontana infatti sembra essere la ripresa dalla crisi.

Gli incentivi assunzione di disoccupati dovrebbero migliorare nei prossimi mesi quest’aspetto più che catastrofico del nostro Paese, c’è insomma al momento priorità nel risolvere il problema della disoccupazione.

Il governo Letta può durare, ma se non si riesce nell’arco di qualche mese a migliorare la condizione lavorativa degli italiani, sono principalmente i giovani ad essere disoccupati, difficilmente si riuscirà a continuare con questo governo. E’ principalmente tra la fascia d’età 15-24 che si riscontra il 10,7% di persone in cerca di lavoro, circa 647 mila, in netto aumento quindi rispetto agli anni passati. I dati forniti dall’Istat sono più che chiari, a Maggio gli italiani disoccupati erano 3 milioni e 140 mila, ben 480 mila in più rispetto allo scorso anno e 56 mila nei riguardi del mese precedente.

Sicuramente gli incentivi introdotti dal governo Letta nel campo dell’assunzione possono migliorare notevolmente tali dati, una disoccupazione in Italia al 12,2% non si era mai avvertita negli ultimi quarant’anni. C’è da dire che non c’è nemmeno più tanta differenza tra uomini e donne, insomma ormai è da tempo che anche il sesso debole è alle prese con la costante ricerca del lavoro, una famiglia non può sopravvivere con un unico stipendio. Il problema della disoccupazione è quindi ancora piuttosto consistente ed è necessario trovare una via d’uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>