Francesco Schettino libero

di Lucia D Antuono 1

Francesco Schettino è libero, nel frattempo sono state pubblicate anche alcune frasi del suo memoriale.

 

Il disastro della Costa Concordia aveva un colpevole, Francesco Schettino, ma ora il comandante napoletano è libero. Era stato condannato ai domiciliari, ma per Francesco Schettino c’è solo l’obbligo di dimora. Una notizia che sicuramente non piacerà ai parenti delle vittime, Schettino sin da subito è stato valutato come l’unico colpevole di questa tragedia, eppure secondo proprio il capitano non sembra essere così.

Francesco Schettino vuole scrivere un libro e probabilmente sarà anche pubblicato a breve. Nel frattempo però sono state rese pubblice alcune frasi di questa specie di memoriale in cui Francesco Schettino parla della sua esperienza tragica vissuta durante quegli attimi di paura che hanno poi causato la tragedia della Costa Concordia.

Il Corriere ha reso pubbliche alcune frasi e quella che ha non poco stupito è stata: “in quel momento una mano divina si è sicuramente posata sulla mia testa. Se avessi continuato su quella rotta, avremmo colpito lo scoglio con la prua. Sarebbe stata un’ecatombe”. Qui Francesco Schettino si riferisce al momento in cui la nave si era avvicinata agli scogli dell’Isola del Giglio, il comandante parla come se lui si fosse comportato da eroe e grazie alla sua esperienza è riuscito a salvare molte vite.

Una visione alquanto distorta rispetto a quanto raccontato dagli inquirenti sulla vicenda della Costa Concordia. Insomma Francesco Schettino è libero, ma il principale responsabile di quel disastro è lui. La nave non doveva trovarsi così vicino agli scogli, eppure Schettino di questa situazione non ne parla proprio, non ammettendo insomma di aver sbagliato.

Commenti (1)

  1. Secondo me invece Schettino è innocente… Se non ci fosse stato lui sarebbe andata ancora peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>