Fatture nel 2013

di Massimo Parolisi Commenta

Sono state apportate diverse modifiche riguardo la numerazione delle fatture nel 2013, inserite nel decreto salva infrazioni, poi confluito nella legge di Stabilità per il 2013 (n. 228/2012). Queste modifiche sono state analizzate dall’Accademia Romana di Ragioneria.

Innanzitutto, le fatture emesse dal 1° gennaio di quest’anno dovranno essere numerate progressivamente e in modo univoco, sia senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare, (iniziando quindi il primo gennaio 2013 con il numero 1) oppure con il sistema dell’azzeramento della numerazione progressiva all’inizio di ciascun anno solare.  In pratica, due fatture pur se emesse in anni diversi, non possono mai avere lo stesso numero.

Altra nota importante: per le operazioni di importo non superiore a 100 euro sarà possibile emettere fattura semplificata, potendo anche omettere l’importo dell’imposta, ma dovranno riportare comunque:

  • i dati dell’acquirente e la partita IVA se l’acquirente agisce nell’ambito della propria attività;
  • natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione;
  • aliquota, ammontare dell’imposta e dell’imponibile con arrotondamento al centesimo di euro.
La fattura semplificata potrà essere emessa da un registratore di cassa ma non per le operazioni extraterritoriali verso soggetti passivi UE, e sarà sufficiente riportare il codice fiscale o il numero di partita IVA del cessionario o committente stabilito in Italia, ovvero il numero di identificazione IVA attribuito da altro stato se trattasi di soggetto stabilito in altro Stato comunitario.

È diventato obbligatorio emettere fattura anche per le operazioni carenti del requisito della territorialità e quindi per questo territorialmente non soggette ad Iva. In questi casi, al posto di indicare l’ammontare dell’imposta, vanno riportate le seguenti diciture:

  • inversione contabile” se si tratta di operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi debitori in un altro stato UE
  • “operazione non soggetta” se effettuate fuori dall’Ue, indipendentemente dallo status del committente/cessionario
Per quanto riguarda l’IVA per cassa, sarà possibile postergare il pagamento al momento dell’incasso, ma per poter beneficiare del regime dell’Iva per cassa, sulle fatture emesse deve essere apposta l’annotazione che si tratta di operazione con “Iva per cassa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>