Il 33% dei divorzi è causato da Facebook

di Gianni Puglisi Commenta

Facebook è diventato una delle principali casue di divorzi nel mondo. Un dato preoccupante che testimonia ancor di più come questo tipo di social network può essere a volte sin troppo dannoso.

E’ davvero incredibile come in questi ultimi anni ci siano tanti divorzi causati da un semplice social network. Ovviamente stiamo parlando di Facebook, il più grande mezzo di comunicazione di rete che è stato inventato negli ultimi anni.

Con questo social network è possibile comunicare con persone sconosciute, ma soprattutto con amici che ormai sono lontani da tempo. Purtroppo però Facebook è diventato anche la causa dei principali divorzi nel mondo. Il dato è davvero preoccupante perché si parla del ben 33% di storie d’amore finite male per colpa di questo social network.

La statistica è stata principalmente effettuata in Gran Bretagna, dove ormai nei vari tribunali ex mogli ed ex mariti non fanno altro che incolpare Facebook per la fine della loro relazione amorosa. Questo perché molte persone possono facilmente incontrare nuova gente, inziare insomma ad intrattenere un rapporto virtuale che però nella maggior parte dei casi può trasformarsi in qualcosa di più serio.

Su Facebook inoltre è più semplice conoscere direttamente la persona con la quale si chatta, grazie al suo profilo, dove sin da subito puoi capire se possa trattarsi di una persona intrigante. Anche se non si usa Facebook per conoscere gente nuova, il più delle volte sono alcuni commenti o semplicemente delle frasi pronunciate ingenuamente contro il proprio partner che possono costituire un danno al proprio matrimonio. Anche in Italia c’è ormai la tendenza ad incolpare Facebook per divorziare dalla moglie o dal marito e questo è davvero un peccato, visto che questo social network è stato creato per unire le persone e non sicuramente per dividerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>