Per Schumacher leggero miglioramento ma c’è ancora pericolo

di Alba D'Alberto Commenta

La battaglia dei medici per salvare la vita di Michael Schumacher continua e dopo un altro intervento si registrano dei lievi miglioramenti che fanno ben sperare. La situazione non esclude ancora il pericolo di vita, ma c’è più controllo come hanno affermato i medici. Ci sono maggiori speranze, quindi, dopo il bollettino medico diffuso ieri dall’equipe medica dell’ospedale di Grenoble.

Il pilota tedesco che ha fatto la storia della Formula Uno con la Ferrari, sette volte campione del mondo in carriera, è ricoverato nell’ospedale di Grenoble da domenica dopo l’incidente sugli sci. Schumacher ha battuto la testa contro una roccia e la situazione ha portato a lesioni cerebrali che ne mettono in dubbio la vita.

Dopo il secondo intervento, però, si affaccia la speranza con una situazione che è migliore di quella di lunedì. Il nuovo e delicato intervento chirurgico ha portato i medici a osservare dei piccoli miglioramenti. L’intervento è stato fatto per ridurre le lesioni alleggerendo la pressione all’interno del cranio. I medici hanno affermato che “La situazione ora è più controllata rispetto a lunedì e non ci sono segnali di aggravamento. La risonanza fatta stamattina ha confermato che l’intervento è andato bene”. Piccoli miglioramenti quindi anche se la situazione è controllata ora dopo ora per vedere se ci sono altri passi verso l’uscita dallo stato di pericolo di vita.

Schumacher non è fuori pericolo e le prossime ore sono importanti per capire come procederà la situazione clinica. La battaglia è ancora lunga e la si affronta con un maggiore ottimismo. Il chirurgo Gerard Saillant che l’ha operato nel 1999 dopo l’incidente di Silverstone ha affermato che la “battaglia è difficile, ma c’è un poco più di ottimismo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>