Apple tratta con le case discografiche per iRadio

di Gianni Puglisi Commenta

La Apple sta trattando con le varie case discografiche per poter realizzare la nuova applicazione iRadio.

 

Apple sta cercando in tutti i modi di poter guadagnare sempre di più, realizzando nuovi prodotti o applicazioni digitali che consentano di superare i vari avversari in questo campo, in primo luogo la Samsung. Una sfida senza fine che sicuramente agevolerà i vari consumatori, con offerte sempre più interessanti e aggeggi elettronici di grande livello.

Mentre è quasi certo che l’iPhone low cost sarà l’iPhone color, Apple ha deciso di lanciare anche una nuova applicazione, iRadio e in questi giorni sta trattando con le varie casi discografiche per poter portare a termine tale progetto che si discosta però da Spotify o Deezer.

Per il momento c’è stata una leggera battuta d’arresto nelle varie trattative, chiaramente le case discografiche stanno provando ad aumentare le varie cifre, in modo da poter guadagnare molto di più. La proposta di contratto che Apple ha intenzione di inviare alle varie case discografiche per iRadio fa leva su questi punti in particolare: diritti per ogni canzone ascoltata, una quota degli introiti da pubblicità su iRadio e una somma minima garantita nell’arco della durata del contratto volta a fornire una rete di sicurezza nel caso in cui si rivelino deludenti il numero di canzoni ascoltate e il denaro raccolto in campagne promozionali.

Questa è l’offerta di Apple per poter sviluppare al meglio iRadio che, stando alle varie anticipazioni, non dovrebbe essere assolutamente a pagamento per i possessori di iPhone. In questo modo Apple cerca di entrare dalla porta principale anche nel campo prettamente musicale che ormai è soprattutto digitale, è qui il futuro della musica ed è giusto investire. Apple lancia iTV e non solo, ormai la casa del Cupertino vuole epsandersi sempre più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>