Italiani sempre più mammoni

di Lucia D Antuono Commenta

Gli italiani sono sempre più mammoni e la colpa è da attribuire anche alla crisi economica dell'ultimo periodo.

 

Che gli italiani fossero un popolo di mammoni è una cosa piuttosto risaputa, ma da un’indagine svolta dalla Coldiretti è emerso che ben un italiano su tre vive con la mamma. Una situazione resa ancora più evidente dalla crisi che sta travolgendo il nostro Paese.

Se oltre il 60% dei giovani tra i 18 e 29 anni vive con la mamma perché non vi sono molte opportunità lavorative e quindi possibilità di sopravvivere da soli, il dato risulta ancora più sconvolgente quando parliamo anche di persone più adulte. Insomma anche chi ha oltre i quarant’anni vive con la propria madre e questa è diventata praticamente una necessità, non più solo un fattore di comodità.

Sicuramente avere la propria mamma in casa può essere d’aiuto nelle faccende domestiche, si ha sempre chi prepara la cena, chi lava i vestiti e così via, ma quest’aiuto è diventato anche economico. Si riescono in questo modo ad ammortizzare le spese e si sa quanto la pensione o il lavoro dei propri genitori possa fare comodo in un periodo di grande crisi. Inoltre gli aumenti dell’autunno 2012 hanno ancor più aggravato tale situazione e anche se si arriva ad un punto in cui si decide di sposarsi, il più delle volte si tende comunque a vivere nello stesso ambiente dei genitori, che può essere un palazzo o la casa stessa.

Gli italiani devono prima di tutto pensare a poter contenere le spese, come risparmiare uno stipendio in un anno è fattibile, ma sicuramente è molto più semplice mettere da parte qualche soldo grazie all’aiuto della propria mamma. Gli italiani sempre più mammoni, ma ora come ora è diventata praticamente una necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>