I settori del lavoro che assumono di più

di Gianni Puglisi Commenta

Vi sono alcuni settori nel campo lavorativo che assumono di più, anche in questo periodo di crisi.

Spread the love

 

Diventa sempre più complicato in Italia riuscire a trovare lavoro. La disoccupazione giovanile ormai ha raggiunto record davvero poco invidiabili, una situazione così tragica non si vedeva dal 1992. Vi sono sicuramente dei lavori che resistono alla crisi ed è ancora possibile vedere uno spiraglio positivo in un campo che indubbiamente sta non poco massacrando le varie famiglie italiane.

Molti giovani, ormai più che trentenni, sono costretti a vivere con i propri genitori a causa della mancanza di lavoro, ma esistono settori del lavoro che assumono di più, basta solo prestare un po’ di attenzione e avere ovviamente le caratteristiche giuste. Innanzitutto per i laureati i settori che al momento permettono più assunzioni sono quello economico, il campo dell’ingegneria elettronica e dell’informazione e quello sanitario e paramedico.

Chi quindi ha scelto questi tipi di indirizzi di studio, avrà sicuramente maggiori opportunità di poter trovare lavoro. Le assunzioni maggiori in campo lavorativo però riguardano, per il livello secondario e post secondario, chi ha scelto un indirizzo amministrativo commericale, quello meccanico e infine l’indirizzo turistico-alberghiero. E’ anche vero che le aziende italiane puntano sugli stagisti, ma basta riuscire a scegliere il campo più fruttuoso per trovare lavoro.

Tra i settori del lavoro che assumono di più, per quel che riguarda invece i diplomati, ci sono maggiori opportunità per chi ha puntato sull’indirizzo turistico-alberghiero, su quello socio-sanitario e infine il meccanico. Da questo quadro è facile capire come i settori in cui ci sia maggiore possibilità di trovare lavoro sono quello energetico, quello alimentare e il campo dell’edilizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>