Redditometro 2013 in arrivo

di Massimo Parolisi Commenta

A breve, alcune fonti dicono a brevissimo, il nuovo redditometro 2013 farà il suo debutto ufficiale dopo mesi di rinvii e modifiche. Il redditometro 2013 è quindi ancora protagonista e sui giornali e nelle tv nei prossimi giorni di sicuro ne sentiremo parlare a lungo.

Il direttore della Direzione centrale normativa dell’Agenzia delle entrate, Annibale Dodaro ha annunciato l’arrivo di un redditometro in versione “soft”: “Applicare le nuove disposizioni su degli accertamenti scattati quando ancora erano in vigore i precedenti metodi di calcolo è problematico da un punto di vista tecnico. Questo perché i criteri su cui si basa il nuovo redditometro, nascono da una base di informazioni a disposizione dell’amministrazione finanziaria, che in passato non c’era”, ha dichiarato Dodaro.

Parliamo delle novità introdotte in questa versione del redditometro: innanzitutto saranno abbandonate le medie Istat. Infatti non potranno essere usati valori statistici per quanto riguarda spese di abbigliamento o per il tempo libero, praticamente impossibili da calcolare .

Poi si cercherà di evitare il contenzioso con il contribuente, tentando in primo luogo una conciliazione tra il Fisco e il contribuente: quindi in questa fase “preliminare” non si potrà chiedere l’esibizione di scontrini, ricevute, fatture. Se questa conciliazione non dovesse avere esito positivo si dovrà avanzare una proposta di adesione all’accertamento e per un’evasione fiscale accertata in misura inferiore ai 20 mila euro l’Agenzia delle entrate dovrà comunque proporre una mediazione.

L’obiettivo è sempre quello di colpire i grandi evasori e quindi le posizioni che presentano un sensibile scostamento fra il reddito dichiarato e le spese effettuate, ma prima di esser soggetto ai controlli fiscali, il contribuente potrà dialogare con gli uffici delle Entrate per due volte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>