Sei miliardi schiavi del telefonino

di Gianni Puglisi Commenta

Continua incessante il boom dei cellulari, ben sei miliardi di persone sono schiavi di quest'oggetto.

 

Il mondo della telefonia e delle comunicazioni sta ormai prendendo completamente il sopravvento sulla vita di tutti. Stando ad alcune statistiche effettuate dall’Agenzia delle telecomunicazioni delle Nazioni Unite ben sei miliardi di persone sono schiavi del telefonino.

Un risultato che non ci meraviglia più di tanto, visto come il boom dei cellulari continua ad essere incessante nonostante insomma ci sia sempre più la crisi economica. Se alcuni appassionati di questo mondo tecnologico non si sono fermati nemmeno dinanzi al prezzo iPhone 5 in Italia, costo vertiginoso, si può capire ancor di più come essere schiavi del telefonino sia ormai un’abitudine comune.

In Italia ben l’81,4% degli italiani possiede un telefonino, da dire che solo il 35,4% ne possiede uno mentre il 25,7 % ne ha due , l’11,5% tre e l’8,8% addirittura quattro. Avere un cellulare ai giorni nostri è diventato quasi obbligatorio, senza di esso non si può assolutamente vivere. Basti pensare che sempre più bambini, di età alquanto bassa, ne possiedono uno e sanno praticamente utilizzare al meglio tutte le varie applicazioni. La rivoluzione dei cellulari è arrivata con gli smartphone, insomma ormai si tratta di piccoli computer portatili che garantiscono di poter essere sempre a contatto con tutti in qualsiasi zona del mondo.

Proprio l’utilizzo di internet sui cellulari è ciò che rende quest’oggetto tecnologico ancora più gustoso, sei miliardi schiavi del cellulare, ma questo numero tenderà ad aumentare sempre più. In Italia soprattutto ci sono sempre più persone che hanno ormai abbandonato il telefono fisso perché troppo costoso, con il cellulare si può invece risparmiare su determinate telefonate grazie alle varie promozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>