Precario si vuole ammazzare

di Gianni Puglisi Commenta

Minaccia il suicidio un precario della scuola a Palermo: era sul cornicione del provveditorato di Palermo

Pompieri e centodiciotto hanno fatto rinunciare al suicidio Filippo La Spisa, 51 anni, precario da quasi quattro anni. Era salito su un cornicione del provveditorato a Palermo intorno alle prime ore della mattina, e da li urlava tutta la disperazione di non riuscire a portare avanti la famiglia.



Infatti oggi, nell’ufficio scolastico, era stata resa pubblica la lista dei collaboratori scolastici (comunemente detti bidelli) e del personale tecnico e amministrativo: il suo nome non c’era.

Sale la tensione in tutti i settori della scuola, non solo nell’università. Negli atenei i più colpiti dall’ultima normativa targata Gelmini e dall’ascia di Tremonti, sono i ricercatori: senza il loro sostegno potrebbe anche slittare l’anno accademico in diverse città della penisola.

La discussione prevista oggi per il ddl Gelmini è slittata: i capigruppo parlamentari sono riusciti ad allungare i tempi per l’approvazione della legge che sarebbero dovuti essere minimi.

Paolo Maria Addabbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>