Sequestrato un orologio da mezzo-milione a Fiumicino: evasione da 80000 euro

di Paolo Maria Addabbo 2

Sequestrato all'aereoporto di Fiumicino un orologio di 450000 euro: non sono state pagate le tasse, di 80000 euro, da un passeggero di un volo in arrivo dalla Svizzera

Nella giornata di ieri i militari della “Guardia di Finanza”, addetti alle operazioni doganali dell’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino, hanno sequestrato un raro orologio, con un valore di 450000 euro, trasportato dalla Svizzera senza avere pagato le imposte doganali di circa centomila euro.
I doganieri stavano controllando un volo in arrivo da Zurigo quando notano una cosa strana: un passeggero ha un atteggiamento nervoso alla vista delle divise.


Si sforzava di passare inosservato, ma ha prodotto l’effetto contrario: gli agenti gli fanno le domande di rito e alla risposta del “niente da dichiarare” decidono di perquisire il bagaglio. All’interno c’è un orologio di lusso per il cui trasporto ci sono pagare 80000 euro di tasse, imposte che il viaggiatore non aveva versato. Per questo è scattata la denuncia alla Procura di Civitavecchia.

Gli orologi costosi, al pari delle preziose opere d’arte e di reperti archeologici, sono oggetto spesso di furti e traffici illeciti. Emblematico il caso dell’orologio del tennista Nadal (in foto sotto al centro), del valore di 500000 mila dollari, rubato durante un torneo a Toronto la scorsa estate. Ma esistono anche orologi con cifre estremamente più proibitive di queste, quasi in “sfregio” alla povertà: secondo Forbes quello più costoso in assoluto, vale più di venti milioni di dollari (in foto al centro). Diamanti, pietre preziose, oro, sistemi sofisticati per minimizzare l’impatto della gravità sulle lancette ed essere precisi al millesimo, sono tutte componenti che aumentano la rarità e fanno impennare i prezzi degli orologi.

PMA
Foto aereoporto di google

Commenti (2)

  1. La svizzera usa da tempoo l’italia come ponte per evadere il fisco, sanno che qui la guardia di finanza non capisce il meccanismo , le filiali e non piu’ distributori , servono per evadere iva e tasse , con trasportatori d’oltre alpe compiacenti , Studiassero il fenomeno deposito Iva e lettere intenti !!!! Italia … la svizzera si arrichisce su di te ! banche con soldi nostri, prostituzione gestita da li , orologi a kg senza dazi !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>