Nuovi ISA, come ridurre i controlli 

di Fabiana Commenta

 

Si chiamano nuovi ISA e sono di fatto gli Indici sintetici di affidabilità fiscale che interessano le associazioni di categoria e gli ordini professionali: si tratta di indici che vanno a sostituire gli studi di settore e che consentono agli operatori economici di riuscire a valutare anche in modo autonomo, l’andamento della propria posizione verificando il proprio grado di affidabilità su una scala di valori che va da 1 a 10. I lavoratori autonomi e le imprese che risultano “affidabili” possono godere di alcuni benefici che si traducono in premi.

Ma le note aggiuntive dell’agenzia consentono invece di poter evitare i controlli anche con indice ISA sotto soglia di affidabilità.

Contribuenti sottoposti a ISA, come evitare i controlli

Tutti i contribuenti sottoposti agli ISA possono sfruttare uno strumento in modo da poter evitare controlli fiscali se dovessero trovarsi al di sotto degli indici di affidabilità: si tratta in sostanza della possibilità di poter utilizzare le  note aggiuntive in modo tale da poter fornire ulteriore elementi al Fisco e per poter chiarire la propria posizione.

Il chiarimento arriva da Pier Paolo Baretta, sottosegretario del ministero dell’Economia in seguito a un’interrogazione alla commissione Finanze della Camera. 

Come funzionano le note informative

Inserire le informazioni comunicate attraverso le note aggiuntive è importante perché si tratta di informazioni che consentono all’Agenzia delle entrate i acquisire un bagaglio informativo che consente agli uffici di disporre gli elementi utili per reindirizzare la propria attività di analisi. 

Questo p quanto chiarito dalla circolare n. 17/19, ma solo relativamente alle posizioni più a rischio per la successiva fase dei controlli tralasciando. Non si tratta invece di note valide per chi, avendo ottenuto livelli minimi di affidabilità, presentano sufficiente elementi giustificativi. 

Insomma è indispensabile utilizzare il campo delle note aggiuntive che consentono appunto di fornire al Fisco le spiegazioni per poter chiarire la la propria posizione. 

Attraverso le note è possibile pertanto accogliere le richieste di chiarimenti della categoria escludendo anche i controlli automatici da parte del Fisco e in modo indiscriminato sui contribuenti che non riescono a raggiungere l’indice di affidabilità fiscale.

Lo sciopero dei commercialisti 

Intanto resta confermato lo sciopero dei commercialisti indetto per le giornate di lunedì 30 settembre e di martedì 1 ottobre; lo sciopero indetto dai commercialisti vedrà lo stop all’invio dei modelli F24 il 30 settembre e il primo ottobre, e alle udienze nelle commissioni tributarie dal 29 settembre al 7 ottobre.

Uno sciopero che arriva in seguito al no da parte del Governo alle richieste dei commercialisti di disapplicare gli ISA 2019 riferiti al periodo d’imposta 2018).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>