Draquila L’Italia che trema

di Redazione Commenta

Draquila- L’Italia che trema” titolo appropriato per il quarto lungometraggio di Sabina Guzzanti. Sì perché a tremare..

“Draquila- L’Italia che trema” titolo appropriato per il quarto lungometraggio di Sabina Guzzanti. Sì perché a tremare, non è solo la terra ma anche la politica con i suoi scandali legati agli appalti per la ricostruzione e alla quasi privatizzazione della Protezione Civile. Un reportage intenso e sconvolgente che ripercorre le vicende politiche e le scelte economiche fatte dal giorno del terremoto fino a oggi.

Le voci dei cittadini aquilani intervistati che se da una parte, anziani e famiglie affrante, si erano convinte che nella disgrazia non si poteva fare di più dall’altra c’erano persone preoccupate, sospettose e impaurite che gridavano al vento quello che l’Italia ha scoperto poi sui giornali.



La Guzzanti si getta in prima persona in mezzo agli aquilani ascoltando i loro racconti che descrivono l’organizzazione del campo tende come quella di una caserma: domande del tipo “dove vai” “cosa fai” e l’impossibilità di organizzare assemblee cittadine. Non mancano poi i momenti di censura dove si richiede espressamente di non fare riprese nel campo (solo per certa stampa scomoda) senza un permesso scritto ovviamente richiesto e mai concesso.

Ma la questione centrale del racconto si focalizza sull’eccessivo potere dato alla Protezione Civile e in termini decisionali e di spesa pubblica, potere che dopo gli scandali delle intercettazioni è stato fortunatamente ridimensionato. In conclusione una denuncia ad alta voce che come dice la Guzzanti in una nota: “Vorrei che chi guardasse il film riflettesse su cosa abbiamo scambiato in cambio di cosa”.

Scritto da: Gianluca Visconti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>