Come funzionano pneumatici invernali

di Gianni Puglisi Commenta

Sempre più italiani si affidano a degli penumatici invernali per migliroare la propria sicurezza sulle strade.

 

E’ tempo di inverno e nel periodo più freddo le strade italiane diventano molto più pericolose. Ecco che allora si punta su una maggiore sicurezza stradale e diventa in alcune zone praticamente indispensabile l’uso di pneumatici invernali. C’è in questo settore un aumento interessante, sempre più italiani si affidano a pneumatici invernali, ben il 25% hanno già optato per questa scelta.

Perché questi pneumatici invernali sono così richiesti? La risposta è relativa prettamente alla sicurezza stradale, diventa insomma sempre più pericoloso in inverno riuscire ad avere un pieno controllo della propria auto soprattutto quando piove o le strade sono ghiacciate. La funzione di questi pneumatici invernali diventa invece una vera e propria sicurezza in più.

Come funzionano allora? Innanzitutto c’è un mantenimento maggiore dell’auto in curva, sono ridotti gli spazi di frenata, e le partenze sono più facilitate. Con le gomme estive c’è invece una perdita dell’aderenza del 90% in condizioni climatiche piuttosto avverse. Già questo dato fa ben comprendere come sia indispensabile usufruire di pneumatici invernali quando la temperatura è piuttosto rigida.

I punti di forza di questi pneumatici invernali sono praticamente tre: si parte dalla mescola che, contenendo silice, riesce a mantenere elastica la gomma anche con temperature basse e i tasselli che la compongono riescono a mantenersi più stabili sull’asfalto; il secondo è il battistrada che è composto da sottili lamelle che permettono di sfruttare il legame chimico neve-neve; infine ritroviamo gli incavi trasversali del battistrada che che sono molto più pronunciati rispetto ad una normale gomma e garantiscono un maggiore drenaggio in caso di poggia abbondante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>