Grillo a Catania: Casaleggio è morto per colpa dei giornalisti

di Alba D'Alberto Commenta

In un momento molto intenso e shockante durante il suo spettacolo a Catania, il comico genovese accusa i giornalisti della morte di Gianroberto Casaleggio spiegando che proprio i giornali che l’ispiratore del Movimento Cinque Stelle aveva querelato, sono stati autori degli editoriali per la sua morte. 

“E’ morto per quegli articoli” dice Grillo durante uno spettacolo in cui ha fatto difficoltà a separare il comico dal politico. Un atto d’accusa estremo e forte quello di Grillo che chiedendo ad una persona del pubblico: “Per chi lavori tu? Per Repubblica?”, mima un tuffo all’indietro a braccia allargate. Repubblica commenta: raggelante e forse non ha tutti i torni, soprattutto se la provocazione non è colta nel modo corretto. Dice ancora Grillo:

Beppe Grillo

“tutti i giornali che li hanno pubblicati erano stati querelati da Gianroberto. E’ morto per quegli articoli. Solo i bambini – aggiunge – hanno bisogno di un leader come se fosse un ombrello da cui ripararsi”.
Si tratta di un invito esteso a tutti: assumersi le proprie responsabilità è importante e necessario. In sala a Catania c’erano decine di attivisti e l’ultimo della fila era un deputato siciliano, Giancarlo Cancelleri che in quella sera ha ottenuto una vera investitura da Grillo:
“Tu diventi me – gli dice -. Tu diventi leader”.
Poi in linea con i toni accesi e alti del suo show parla ancora della ricandidatura a governatore di Cancelleri. Un altro abbraccio è per Andrea Bortoli, il notaio che a Favara ha inventato il Farm cultural park. Un modo molto onesto e semplice di portare avanti l’eccellenza anche dove sembra invisibile.
“Quest’uomo ha preso un quartiere ad altissimo tasso di criminalità e l’ha riqualificato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>