Cos’è successo davvero ad Alonso

di Alba D'Alberto Commenta

Ormai l’incidente di Alonso è diventato il caso dell’anno e sono moltissime le ipotesi che circolano sul suo conto. E poi ci sono le foto, sia quelle scattate al momento dell’incidente, sia quelle scattate in ospedale e al momento delle dimissioni. E partiamo proprio da quelle. 

Alonso ha fatto un incidente durante i test invernali di Barcellona, sul circuito di Montemelò. Si è pensato subito ad un malore visto che Vettel, inizialmente (poi ha ritrattato), pare avesse avvertito un comportamento strano del collega al volante. C’è anche un fotografo che era proprio sul posto e dice che non c’era il vento tale da giustificare un’uscita di strada.

E allora cos’è successo. Le foto del recupero di Alonso che è rimasto a lungo incosciente, non sono molto chiare ma il suo manager è riuscito a rassicurare i fan con una foto dall’ospedale. Rassicurante. No per la verità. Alonso è sembrato imbambolato come se non sapesse bene perché la persona che aveva accanto lo stesse fotografando. Poi la foto all’uscita dall’ospedale ugualmente sconvolta. La barba lunga e lo sguardo perso ed ingenuo.

Adesso la FIA aprirà un’inchiesta ma Alonso sembra inizi a ricordare qualcosa in più dell’incidente e i più maliziosi pensano ad un attacco del pilota spagnolo alla sua stessa squadra che continua a proporre dei comunicati molto tranquilli, quasi edulcorati.

Alonso si era svegliato dicendo di guidare i kart e di sognare la F1. In pratica la sua memoria, all’inizio, era stata portata indietro di 20 anni. Poi i vari dettagli e quell’aggettivo di Ecclestone sull’incidente che butta soltanto benzina sul fuoco: è inspiegabile.

In realtà qualche ipotesi verosimile è stata fatta e la più gettonata sembra quella dell’elettroshock. Una forte scarica elettrica avrebbe colpito e messi fuori gioco il pilota, prima ancora dell’impatto. Alonso comunque non ci sarà in Australia e dichiara che al 100% sarà ai box di partenza in Malesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>