Decreto Milleproroghe 2012 approvato

di Veronica Pozzi Commenta

Secondo le prime testimonianze è possibile che il decreto possa subire ulteriori modifiche e che quindi debba ritornare..


Come avevamo anticipato questa mattina, nel pomeriggio la Camera dei Deputati sarebbe stata invitata a votare il decreto legge Milleproroghe. I risultati anche in questo caso sono stati abbastanza schiaccianti, infatti hanno votato a favore 479, 74 sono stati contrari e 5 hanno preferito astenersi, anche se il voto finale del provvedimento, che poi dovra’ andare al Senato, e’ in programma martedì.


Secondo le prime testimonianze è possibile che il decreto possa subire ulteriori modifiche e che quindi debba ritornare alla Camera per la terza volta consecutiva, anche perché alcuni deputati del Pdl sono stati favorevoli alla fiducia ma hanno imposto alcuni paletti come per esempio la sospensione dell’aumento delle tasse. Silvio Berlusconi, una volta uscito dalla Camera, ha ribadito il suo appoggio a Monti, infatti ha dichiarato che in questo momento così particolare per l’Italia non sussistono motivi di grande ottimismo e serenità, facendo riferimento alla situazione di tutti i Paesi dell’unione europea.

Il Cavaliere è certo che questo nuovo Governo potrà risollevare le sorti economiche e che l’esecutivo sta lavorando con prudenza per gestire una condizione davvero complicata nel miglior modo possibile. Anche i Democratici hanno approvato il decreto, ma hanno chiesto di poter discutere tutti i provvedimenti, mentre la Lega ha colto nuovamente l’occasione per bastonare il lavoro del Premier Monti perché pretendono maggiori tutele sulle pensioni. Nonostante il clima di tensione molti politici hanno notato un progressivo avvicinamento tra il ministro per i rapporti col Parlamento Piero Giarda e Roberto Maroni, che hanno scambiato qualche battuta alla buvette della Camera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>