Pressione burocratica schiaccia le imprese

di isayblog4 Commenta

Pressione fiscale e oppressione burocratica schiacciano sempre più le imprese italiane. I rappresentanti di Rete Imprese Italia hanno dichiarato che “la pressione fiscale salirà ancora dal 2013, e  sui profitti delle imprese italiane supera il 68 per cento. Un peso insopportabile al quale si sommano i costi dell’oppressione burocratica degli adempimenti tributari in continuo cambiamento a causa dei rapidi mutamenti della legislazione fiscale. Crescono le tasse mentre calano gli indicatori economici del nostro sistema produttivo”.

Il problema principale sono il numero troppo elevato di norme, sempre diverse, che impongono obblighi sempre nuovi agli imprenditori e condizionano la competitività del sistema produttivo. Le pressione fiscale è in crescita e le imprese sono sempre più in difficoltà: ammontano a 2,8 miliardi gli oneri amministrativi a carico delle imprese, e a riguardo proprio Rete Imprese Italia ha sollecitato maggiore stabilità e certezza della legislazione fiscale.

Il rapporto Doing business in Italia 2013 che prende in esame l’efficienza delle regolamentazioni d’impresa in tredici città italiane (Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Catanzaro, L’Aquila, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Potenza, Roma, Torino) e sette porti (Cagliari, Catania, Genova, Gioia Tauro, Napoli, Taranto, Trieste), descrive soprattutto gli ostacoli che gli imprenditori italiani devono affrontare: l’avvio di un’impresa, le procedure legate all’ottenimento del permesso di costruzione, l’iter per ottenere l’erogazione dell’elettricità, registrazione della proprietà, accesso al credito ecc. Ebbene, nella classifica relativa alla “facilità di fare impresa”, l’Italia si colloca al 73° posto su 185 paesi.

Anche questo rapporto sottolinea la necessità della riforma della giustizia civile in Italia, per promuovere nuovi sistemi di gestione delle cause civili, monitorare le attività dei magistrati e introdurre leggi ad hoc che disciplinino la riduzione delle cause in arretrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>