Permanente possibile causa del cancro

di dikastyle Commenta

AUSTRALIA-THEME-HAIR

La moda capelli 2014 prevede sia acconciatura con capelli ricci che con capelli lisci, il problema è che quando quella che piace non si adatta al tipo di capello che ci è stato donato da madre natura si ricorrre al parrucchiere per tentare di modificarlo, utilizzando prodotti chimici molto spesso dannosi per la salute.

A dimostrarlo uno studio della Boston University’s Slone Epidemiology coordinato dalla professoressa Lauren Wise, i cui risultati hanno portato ad affermare che le sostanze utilizzate per trattamenti come permanente o stiratura a lunga durata possono essere la causa di gravi malattie, tra cui addirittura il cancro.

Lo studio è stato condotto nel periodo dal 1997 al 2009 su un campione di 23.000 donne afroamericane, non ancora entrate in menopausa, nel tentativo di scoprire il motivo per il quale  l’etnia nera risulta essere la categoria più soggetta a sviluppare un tumore dei fibromi uterini.

Ebbene, i ricercatori, nell’esaminare i comportamenti quotidiani delle donne partecipanti allo studio, hanno rilevato che queste sono solite sottoporsi periodicamente allo stiraggio dei capelli, un trattamento che utilizza gli stessi liquidi adoperati per la permanente e che aumenterebbe le possibilità di contrarre la malattia. Lo studio ha inoltre rilevato che quando a sottoporsi al trattamento sono le più giovani, queste entrano prima del normale nel periodo puberale.

Sottoporsi a trattamenti come stiratura e permanente con l’utilizzo di apposite sostanze chimiche, dunque, è sconsigliato. Seppure al momento non esistano studi scientifici che confermino tale teoria, le osservazioni della ricerca condotta a Boston dovrebbero mettere in guardia chi si sottopone frequentemente a questo tipo di trattamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>