La Meloni consolata anche da Renzi

di Alba D'Alberto Commenta

Giorgia Meloni è scesa in piazza al family day per difendere la famiglia tradizionale e per l’occasione, forse in modo incauto, ha annunciato una gravidanza. Ed è stata subito preda delle prese in giro di chi ha osservato come non sia neppure sposata. Il rammarico dell’onorevole le è valso un mazzo di fiori da parte di Renzi. 

Il PD ha bisogno di dimostrarsi vicino alle donne e lo fa anche in modo maldestro talvolta. Così ci si ritrova con il premier che omaggia la Meloni con un mazzo di fiori non soltanto per farle gli auguri per il bambino che aspetta ma per consolarla a seguito degli sfottò legati al family day.

Sul suo blog non commenta le prese in giro ma ai microfoni dei maggiori quotidiani d’Italia dice di essere ferita. Tuttavia aveva scritto sul suo blog che il ddl Cirinnà è congegnato per dare l’OK alle adozioni gay osteggiate da tantissimi italiani. È sfruttando questo timore italico che la leader di Fratelli d’Italia aveva scritto:

Se “modernità” significa fare come Elton John, il grande sponsor delle unioni civili, ovvero pagare una donna per comprare il suo corpo e un figlio, selezionando il tipo di bambino che si vuole, allora io sono sicuramente antica.
Lo ha detto nel corso di una intervista a Rainews il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
Sabato sarò al family day e invito tutti i cittadini a partecipare a questa grande manifestazione che si annuncia imponente – continua Meloni -. Non mi interessa limitare i diritti di due persone che stanno insieme ma non è questo il tema del dibattito sulle unioni civili e il fine del ddl Cirinnà. Il vero obiettivo di questo provvedimento è introdurre in Italia l’adozione gay, ovvero stabilire per legge che un bambino non abbia diritto ad avere un padre e una madre. Questo per Fratelli d’Italia è inaccettabile e lo ribadiremo in piazza al Circo Massimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>