Documenti per la dichiarazione redditi 2013

di isayblog4 Commenta

E’ in arrivo la scadenza della dichiarazione dei redditi 2013, e in questo articolo andremo a vedere quali documenti devono presentare i contribuenti italiani. Essi possono rivolgersi ad un Caf o un professionista abilitato e consegnare loro il modello compilato senza pagare alcun compenso al Caf o al professionista.

Il Caf può richiedere i dati relativi alla residenza anagrafica del dichiarante, e sempre il contribuente deve esibire la documentazione necessaria per verificare la conformità dei dati riportati nella dichiarazione.

Il soggetto deve quindi presentarsi con:

– le certificazioni che documentano le ritenute;

– gli scontrini, ricevute, fatture e quietanze che provano le spese sostenute.

Il contribuente non deve invece esibire i documenti che riguardano le spese deducibili già riconosciute dal sostituto d’imposta quando ha calcolato il reddito e la documentazione degli oneri detraibili.

Nel caso di spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente deve conservare i documenti previsti per fruire della detrazione spettante, le quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, gli attestati di versamento delle ritenute operate dal condominio sui compensi dei professionisti.

Più in generale, il contribuente deve portare tutti i documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione, e conservarli fino al 31 dicembre 2017. Spetta ovviamente al Caf controllare che i documenti siano regolari, mentre spetta all’Agenzia delle Entrate un controllo della dichiarazione dei redditi, previsto dall’art. 36 bis del Dpr 600 del 1973 e dall’art. 54 del Dpr 633/72 per quanto riguarda l’Iva.

Non è ancora arrivata in Italia invece la dichiarazione dei redditi precompilata, introdotta in Danimarca per poi estendersi in altri paesi come Australia e Scandinavia, ma anche in Olanda dove le dichiarazioni precompilate hanno sfondato quota 2 milioni per un percentuale di circa il 35 per cento di contribuenti.
Anche l’Ocse ha rilevato che la dichiarazione precompilata ha allargato il suo raggio di azione soprattutto grazie a internet ed alle nuove tecnologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>