Uragano Agatha si abbatte sul Guatemala

di Antonella Gullotti Commenta

Le cose non si mettono bene per il centro America. La colpa è di Agatha, una delle prime tempeste tropicali della stagione..

Le cose non si mettono bene per il centro America. La colpa è di Agatha, non una donna, ma una delle prime tempeste tropicali della stagione.
I morti nella regione confinante con il Messico sono almeno sessanta, stando agli ultimi aggiornamenti, ma si contano anche tredici vittime segnalate in Honduras e in Salvador.

Inoltre, circa settantamila persone sono state costrette a evacuare le loro abitazioni per la furia della tempesta e alcuni danni sono stati rilevati anche nel sud del Messico.



Purtroppo la zona è spesso vittima di violenti uragani, dal momento che il clima è di tipo tropicale, con inverni secchi ed estati piovose. Agatha non è la prima tempesta che provoca ingenti danni nel Paese: prima di lei un altro uragano, battezzato Mitch, lo aveva messo a dura prova nel 1998 e l’uragano Stan, nel 2005, aveva provocato più di un migliaio di vittime.

La violenza di Agatha adesso sembra essersi leggermente attenuata, ma la situazione è ancora a rischio: i fiumi hanno rotto gli argini e diversi quartieri della capitale, Città del Guatemala, sono rimasti senza luce.

Come se non bastasse, la Repubblica Guatemalchese deve affrontare anche un’altra furia della natura: il vulcano Pacaya, in eruzione già da giorni, ha provocato morti, feriti e dispersi. Adesso, a causa della congiuntura di questi fenomeni, controllare l’attività vulcanica risulta ancora più difficile.

Antonella Gullotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>