Perchè Starbucks non c’è in Italia?

di Stefania Russo Commenta

Sono davvero in tanti a chiedersi come mai l'Italia sia uno dei pochi paesi al mondo in cui non è presente neanche un singolo negozio..

Sono davvero in tanti a chiedersi come mai l’Italia sia uno dei pochi paesi al mondo in cui non è presente neanche un singolo negozio Starbucks, a rendere ancora più complicato e curioso questo quesito è proprio la storia della nascita di questa famosa catena.

Non tutti sanno, infatti, che Starbucks è nato proprio con l’idea di portare in America l’idea di caffetteria italiana, tutto è partito da un viaggio a Milano di Howard Schultz, storico amministratore delegato considerato il vero fondatore di Starbucks.


L’influenza del nostro paese si ritrova anche nei nomi scelti per i prodotti offerti ai clienti, tra questi troviamo Caffè-latte, Cappuccino, Torrefazione Italia Coffee e Pasqua Coffee. Stesso discorso per i formati, basti pensare che una bibita di dimensione media è chiamata “grande” mentre quella grande “venti”.

A dare una spiegazione all’assenza di Starbucks nel paese che ne ha ispirato la creazione è stato lo stesso Howard Schultz, il quale ha affermato che la risposta al curioso quesito sta nelle abitudini degli italiani, a suo avviso Starbucks in Italia non funzionerebbe semplicemente perchè agli Italiani non piacciono le tazze di plastica e non considerano minimamente l’ipotesi di prendere il caffè fuori dal bar, bevendolo mentre camminano o guidano.

Ancora una volta, dunque, un esempio di come l’Italia è fonte di ispirazione per idee vincenti, pultroppo però nella maggior parte dei casi questo accade a vantaggio di altri paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>