Marijuana nella scuola elementare

di Paolo Maria Addabbo 3

Sequestrate in provincia di Venezia piantine di cannabis. Erano nascoste nel retro di un giardino di una scuola elementare

Erano state lasciate alcune piantine appena germogliate di cannabis sul retro di un orto, usato per scopi didattici: la speranza era quella che venissero annaffiate e non riconosciute in mezzo alle altre.


Questo pensano i Carabinieri veneziani che hanno sequestrato dieci germogli, alti massimo 20 cm, nell’istituto di Spinea “Anna Frank”.

Le chiavi del piccolo cancello che delimita il giardino, che serve a insegnare scienze, erano in dotazione a personale dell’istituto e ad alcuni genitori: attualmente la pista più accreditata è quella di coltivatori “esterni” alla scuola.

Gli inservienti hanno capito subito che non si trattava di basilico e hanno chiamato le forze dell’ordine che ieri sono accorse subito sul posto.
Si tratterebbe di una coltivazione “fuori stagione”, forse usata come fase preliminare per un successivo trasferimento “indoor”.

In questo periodo, vicino alla “raccolta” che solitamente avviene tra settembre e ottobre, si intensificano i sequestri di questo tipo.

Commenti (3)

  1. E’ tutto così ovvio : ma è impensabile che tali stratagemmi nella scuola di piccoli innocenti possa aver avuto quasi esito positivo. Grazie alle forze dell’ordine e a chi ha ancora la coscienza di non rendere infelici altre persone con sostanze nocive alla salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>