Palermo, “Un patto tra istituzioni e imprese per la legalità”

di isayblog4 Commenta

Il patto ha lo scopo di proteggere il sistema dalle infiltrazioni mafiose e garantire la trasparenza delle attività imprenditoriali in Sicilia. La Legacoop e il gruppo alimentare Conad consegneranno gli elenchi delle imprese alle Prefetture...

Un patto tra istituzioni e imprese per la legalità e lo sviluppo” è il tema dell’incontro – organizzato da Legacoop e dal gruppo alimentare Conad -che si è tenuto stamattina all’NH hotel di Palermo. Un patto che ha lo scopo di proteggere il sistema dalle infiltrazioni mafiose e garantire la trasparenza delle attività imprenditoriali in Sicilia. La Lega delle Cooperative e il gruppo alimentare Conad consegneranno, infatti, gli elenchi completi di tutte le imprese associate alle Prefetture. In questo modo sarà possibile monitorare in tempo reale le attività e segnalare eventuali anomalie.

“L’imprenditore siciliano non deve più essere soffocato, ma sentirsi libero di svolgere la propria attività in un territorio che adesso deve rinascere”, ha detto Elio Sanfilippo, presidente Legacoop Sicilia.
“Non miriamo alla repressione, ma ad agire ancor prima che la situazione diventi patologica – ha spiegato Maurizio De Lucia, pm della Direzione nazionale antimafia -. Se sul tavolo dell’imprenditore c’è la pistola, vuol dire che quell’impresa è già fuori dal mercato. Dobbiamo prevenire che ciò avvenga, specialmente fornendo i giusti strumenti”.

“Esistono anzitutto le norme dello Stato – ha detto Nino Caleca, avvocato penalista e consulente giuridico di Legacoop Sicilia – ma esistono anche delle scelte che vanno oltre la legge. Si tratta di veri e propri “patti” che svolgono due funzioni: una pedagogica, che punta alla coscienza civile nell’industria, l’altra manageriale, che va di pari passo col fenomeno della criminalità. La grande distribuzione – ha aggiunto – è purtroppo uno dei settori più a rischio di infiltrazioni mafiose. Per questo è necessario un protocollo tra le imprese e le prefetture, che possa condurci all’individuazione dei singoli imprenditori. Una sorta di monitoraggio continuo – ha concluso il legale – che possa garantire una sicurezza simile a quella che già esiste nei settori dei grandi appalti e del calcestruzzo”.
Serena Marotta
(15 aprile 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>